07/03/2016

La Parigi traditional-chic di Alexandra Mselati e Julia Muûls

Si conoscevano già da anni, ma Julia e Alexandra sono diventate migliori amiche grazie alla loro azienda, Bemygift.fr, un sito “ricco di idee per fare o farsi un regalo”... una migliore dell’altra! Le abbiamo incontrate nell’appartamento di Julia, nell’allegra confusione creata dalle sue due piccole gemelle e ci hanno parlato, senza troppi giri di parole, della Parigi che amano.

Professione: fondatrici dell’e-shop www.bemygift.fr.
Quartiere: Saint Germain des Près, Parigi 7.

Se Parigi fosse un regalo?
Julia Muûls: Una guida degli indirizzi più lussuosi della città, per principianti. Regalo queste piccole guide ricche di indirizzi utili a tutti i miei amici, compresi i parigini puro sangue. Fino ad ora, nessuno si è mai lamentato, anzi.
Alexandra Mselati: Una candela alla tuberosa o ai fiori bianchi, semplicemente perché sono i profumi che mi ricordano la mia infanzia, avendoli respirati in tutte le case della mia famiglia. E poi lo confesso: amo regalare ai miei amici oggetti che piacciono anche a me.

Tre luoghi che incarnano la Parigi che amate?
Julia: 1/ Place des Vosges, è così romantica... 2/ I cortili nascosti delle case di Saint Germain des Près, ce ne sono di incredibili… 3/ Il fascino della natura di Place de Furstenberg, soprattutto quando gli alberi sono in fiore.
Alexandra: 1/ I giardini di Palais Royal, un calmante istantaneo. 2/ Il ristorante Le Pré Catelan, la mia oasi di pace, soprattutto nei giorni feriali. 3/ Le Bon Marché: bellezza, moda, design, déco… adoro la loro selezione; potrei comprare tutto a occhi chiusi!

Il vostro peccato di gola parigino preferito?
Julia: Al primo posto incontestato il croissant caldo, anche se devo ammettere che ho un debole per i macaron Ispahan, alla rosa e litchi.
Alexandra: I macaron al cocco, sono i miei preferiti! In seconda posizione ex-aequo: i Paris-Brest ripieni di cioccolato pralinato e le brioche al cioccolato...

Un luogo che ricordate con affetto a Parigi?
Julia: Di nuovo Place des Vosges, perché è lì che mio marito mi ha chiesto di sposarlo qualche anno fa...
Alexandra: L’appartamento dove ho passato buona parte della mia infanzia, sugli Champ de Mars. Ogni volta che ci passo davanti in macchina, ho una stretta al cuore…

Secondo voi, com’è la parigina DOC?
Julia: Secondo me incarna un bel mix di generi… Sporty-chic, glam rock, gypsy… tutti insieme. Solo lei può portare con disinvoltura delle scarpe da ginnastica con una pelliccia sintetica!
Alexandra: Una donna bohèmienne, in carriera e sexy allo stesso tempo, che sa essere chic con o senza tacchi.

Qual è la vostra beauty routine? In cosa è tipicamente parigina?
Julia: Seguo la filosofia del less is more! Ecco la mia routine mattutina per purificare la pelle: per prima cosa la detergo in profondità con acqua micellare, per liberare l’epidermide dalle impurità della notte, e poi la spruzzo con acqua termale. Per finire, applico una buona dose di crema idratante.
Alexandra: Ogni mattina la mia routine è calcolata al secondo. Per quanto riguarda la pulizia del viso, uso acqua micellare per detergere la mia pelle con dolcezza, seguita da una crema giorno. Per quanto riguarda il makeup, invece, uso un po’ di cipria compatta e un gloss trasparente, nient’altro! La sera, però, mi concedo un po’ più di fantasia, specialmente per gli occhi, per cui prediligo uno stile smokey...

Una cosa da non fare mai nel campo del beauty?
Julia: Andare a letto senza struccarmi! Non lo riesco nemmeno a concepire...
Alexandra: Accidenti… ce ne sono troppe. Difficile scegliere… il rossetto sbavato, lo smalto scheggiato, l’abbronzatura che tende all’arancione?

Uno stratagemma per alzarvi dal letto nelle mattine storte?
Julia: Incontrarmi con la mia socia Alexandra per fare del brainstorming sulle idee nate durante la notte. Anche se, di solito, ce le siamo già mandate via SMS!
Alexandra: Mia figlia Bianca, che sa come migliorare, a suon di baci e coccole, anche le mattinate più difficili!

Le piccole cose di tutti i giorni che vi fanno sorridere?
Julia: Trovare i biberon delle gemelle nel mio letto dopo un risveglio coccole-cartoni… la giornata non può che iniziare bene!
Alexandra: Rendermi conto di quanto sono fortunata a fare quello che mi piace veramente, ad avere il ritmo che ho, con una socia che amo. Questo è un lusso che non ha prezzo.

Una scoperta beauty che ha cambiato la vostra vita?
Julia: Il Konjac! Il migliore alleato della mia linea. Non solo contiene pochissime calorie, ma in più ti regala l’illusione di aver mangiato un bel piatto di pasta… Ammazza la fame, garantito. Da gustare con una salsa di pomodoro fatta in casa, è l’ideale per chi vuole stare attenta alla linea.
Alexandra: Il gommage, non solo per le sue virtù esfolianti ma anche per quelle tonificanti. Se credete che si limiti a esfoliare e pulire la pelle, vi sbagliate. Sì, libera la pelle dalle cellule morte, ma soprattutto permette alla crema idratante, maschera o tonico di fare meglio e prima il loro lavoro.

Quali sono i vostri tre posti preferiti a Parigi?
Julia: Da amante del buon caffè, il Café Coutume è la mia caverna delle meraviglie! Etiopia, Costa Rica, etc… tutti tostati in loco! Una vera festa per il palato. Per vedere ed essere viste c’è Colette, il mio concept-store preferito. Per un momento in famiglia, i viali dei giardini del Lussemburgo! Tra i pony e i corsi di tennis, ce n’è per tutti i gusti.
Alexandra: Per una pausa golosa, andate da Carette! La terrazza è impagabile e il gelato al caffé e cioccolato con panna delizioso… Per un buon pranzo italiano, dopo una mattinata di shopping, consiglio vivamente l’ottimo ristorante Primo Piano, al secondo piano del Bon Marché. Infine, adoro andare con mia figlia alla Fondazione Louis Vuitton e continuare la giornata con una passeggiata al Jardin d’Acclimatation.

© Saskia Lawaks